Aprire un Franchising : I 6 ERRORI più comuni che hanno fatto FALLIRE l’80% delle nuove Attività, dopo soli 9 mesi dall’apertura

di | 16 Gennaio 2019

imprese-fallimento-1-947406

Circa un anno fa ero seduto al bar a prendere il solito caffè con Daniele, questa volta però le nostre chiacchierate non avevano il solito tono spensierato…

Daniele mi confida tutte le sue frustrazioni ed insoddisfazioni lavorative che gli stanno facendo fare notti insonni con attacchi d’ansia frequenti.

Così ho deciso di raccontargli la mia esperienza e lui finalmente ha deciso di voltare pagina.

Daniele oggi è un imprenditore di successo, guadagna uno stipendio da manager perchè ha fatto la SCELTA GIUSTA.

Come ha fatto?

Prima di svelarti come è riuscito a cambiare la sua vita, è importante analizzare tutto il quadro della situazione. Ti chiedo solo 5 minuti del tuo tempo, ti assicuro che non te ne pentirai.

Facciamo un passo indietro. Quante volte hai detto o solamente pensato:

“Mi sento sfruttato, ho bisogno di cambiare” “Non sopporto più il mio Capo”

” Basta con questi orari di lavoro assurdi”

 “Voglio realizzare qualcosa per il mio futuro, per la mia famiglia” 

Quante volte hai provato a fare qualcosa ma ti sei fermato.

I pochi risparmi diminuiscono sempre di più. Ogni mese le entrate sono minori rispetto alle uscite, c’è sempre quell’ansia di finire lo stipendio prima del tempo o di non essere pagato per poi chiedere aiuto a qualcuno (in genere ai nostri genitori … che incubo!)

Quasi sempre non viene colta l’opportunità di cambiare la nostra vita. Investire i nostri risparmi, chiedere un prestito, metterci in gioco, non è assolutamente facile.

Davanti al bivio “Rischiare tutto o aspettare” si preferisce sempre la seconda opzione, ovvero aspettare. Aspettare che le cose si cambino da sole.

In tanti ci siamo trovati e ci troviamo ancora in questa situazione. Le ultime statistiche affermano che 7 italiani su 10 sono insoddisfatti del proprio lavoro e che i giovani italiani sono i meno soddisfatti in Europa, solo dopo i bulgari e i ciprioti.

Cosa spinge a restare fermi a subire questa “infelicità”?

Cosa non ci permette di realizzare il nostro sogno  (essere indipendente e finalmente liberi) ?

Ho scoperto che una delle motivazioni più comuni che ci paralizza è LA PAURA DI FALLIRE.

insoddisfazione

 

La paura non è infondata. Infatti, se le cose non vengono fatte in un certo modo, il rischio di fallire è altissimo.

Per comprendere le ragioni che ti possono far fare “un buco nell’acqua”, è necessario rispondere a 6 domande fondamentali che chiunque dovrebbe porsi prima di iniziare una nuova attività.

1) Hai già scelto su cosa investire?

Scegliere l’attività giusta è davvero complicato. Alcune rappresentano solo la moda del momento (vedi la sigaretta elettronica) o il sogno di una vita (tipo il bar) per poi chiudere entro l’anno perché “non va più di moda” o perchè ci sono più bar che cittadini in paese.

2) Conosci il mercato di quel determinato settore?

“Mi piace il caffè, domani apro un bar!” Fosse così semplice, saremmo già tutti milionari. Prima di iniziare (o solo pensare) una qualsiasi attività da intraprendere bisogna conoscere il mercato. E’ necessaria un’attenta analisi ed un business plan corretto per capire se ne vale la pena.

3) Davvero credi che basti semplicemente aprire un’attività e magicamente avere clienti?

Il mercato è cambiato, le modalità di vendita sono cambiate. Oggi vedo ancora negozi vuoti che sperano che “ i clienti caschino dal cielo“, che si lamentano che nel loro negozio non entra nessuno per Colpa della CRISI. Affinchè un’attività possa funzionare c’è bisogno di una strategia di vendita ben programmata.

4) Come hai pensato di organizzare la tua attività?

Lo sai che se non hai un sistema di gestione delle scorte e del personale valido, puoi perdere fino al 16% dei profitti?

5) Hai effettuato uno studio delle attività della tua zona?

Prima di intraprendere qualsiasi attività è assolutamente necessario conoscere dove sono posizionati i tuoi concorrenti,  chi sono ed individuare i tuoi potenziali clienti. Fatto ciò, bisogna posizionare il punto vendita seguendo determinate caratteristiche che ti permettano di agevolare il flusso di clientela (es. un parcheggio nelle vicinanze, determinate dimensioni del locale).

6) Sei sicuro di conoscere il tuo fornitore ?

Questo è un vero grattacapo, anche per chi ha attività già avviate. Individuare quello giusto è un atto complesso, che richiede tempo e conoscenze. Una volta individuato è importante che ci sia reciproca fiducia tra fornitore e venditore, sia sulla qualità dei prodotti, sia sui pagamenti (ed eventuali accordi di dilazioni), sia per la precisione delle consegne.

Quindi Ricapitolando, possiamo riassumere in 6 punti gli errori più comuni che un neo imprenditore può incorrere quando vuole mettersi in proprio.

1)    Investire in attività commerciali sbagliate

2)    Entrare in un mercato di cui non si conosce nulla (se non sei uno specialista del settore la concorrenza ti distrugge)

3)    Sottovalutare le strategie di vendita e affidarsi alla buona sorte

4)    Effettuare La gestione delle spese e del personale in maniera errata

5)    Sbagliare location

6)     Non riuscire a trovare accordi convenienti e vantaggiosi con i fornitori

Se non vuoi buttare i tuoi soldi, ma vuoi metterti in proprio con pochi rischi ed un investimento controllato, senza doverti sbattere per creare una strategia di impresa, la soluzione migliore è sicuramente il Franchising.

 

come-aprire-franchising-lusso-2

 

Attenzione però, Non tutti i Franchising sono uguali!

  • Non credere a chi ti propone di aprire un Franchising a costo zero, non esiste poter avviare un attività senza un minimo di investimento.
  • I Franchising che hanno consolidato un prodotto o un servizio sul mercato nazionale e/o internazionale credono che basti un contratto stipulato tra le parti, un’organizzazione interna approssimativa e il loro unico scopo è fare più punti vendita possibile, abbandonando l’affiliato a se stesso, senza mantenere alcun contatto con lui.
  • Poi ci sono quelli interessati unicamente a fare cassa. Quelli che ti “vendono sogni, ma non solide realtà”. Il loro unico scopo è fare fatturato.

 

Hai intenzione di fare qualcosa di importante nella tua vita, di crearti un futuro per te e la tua famiglia, di svegliarti la mattina consapevole dei tuoi obiettivi, di essere (Finalmente) INDIPENDENTE, senza subire le Pressioni di un Capo Lunatico e poter gudagnare di PIU’ con la Massima LIBERTA’?

ricco.png

 

Compila il modulo e riceverai via Email la VERA Storia di Daniele, di come è Riuscito a CAMBIARE la sua Vita e di Come Puoi Farlo ANCHE TU!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *